giovedì 28 aprile 2016

IL RESTO E' OSSIGENO di Valentina Stella - recensione

Da quando se ne è andato,
non ho mai pensato di non aver voglia di vivere.
Se qualche mese fa mi avessero chiesto cosa avrei fatto
se mio marito non fosse più tornato dall'ufficio,
dandomi come spiegazione un sms o una telefonata,
avrei detto: mi dispererei.
E invece no. Non sono disperata.
Forse è soltanto una questione di sopravvivenza:
nasciamo tutti con un antidoto al dolore,
nascosto da qualche parte in fondo all'anima.
Ho ancora voglia di vivere,
e non solo perchè il mio cuore batte insieme
ad uno più piccino di quasi sette anni.
Ho voglia di vivere perchè c'è il sole, c'è la sua risata ragazzina,
c'è il bar sotto casa con i croassant piccoli e leggeri,
c'è il cielo su Torino che ha inventato un nuovo tipo di azzurro
e forse lo ha fatto per me, c'è la mia gatta che dopo anni di timidezza ha deciso di venire a dormire nel mio letto,
c'è lo spriz nel solito locale.
C'è la sensazione di aver scalato mille colline nella mia vita,
e di avere le gambe e il cuore pronti
per scalare la mia prima montagna.


Una storia "per adulti", quella che scrive Valentina Stella; un'autrice che "ama raccontare il mondo delle famiglie di oggi: l'amore, la quotidianità, il tradimento e quella dimensione travolgente che è l'essere genitore".
Scritto in maniera fluida ed incisiva Il resto è ossigeno edito da Sperling & Kupfer è un romanzo assolutamente privo di romanticismo o superflue infiocchettature. E' il percorso di presa di consapevolezza, se così si può dire, su un matrimonio. Su un legame di oltre dieci anni per trovarlo sfilacciato, consumato, inconsistente. Ed è proprio su questo punto che l'autrice, più di ogni altra cosa, vuole farci riflettere ponendoci tante domande: è giusto voltare pagina e aver voglia di "respirare" oppure bisognerebbe scavare a fondo nel proprio cuore e nella propria vita per fare un bilancio obbiettivo di quanto di bello abbiamo e di cui, magari, non ci accorgevamo fino in fondo? Perdonare, capire... oppure ammettere che a volte è molto comodo sentirsi "soffocati" per giustificare comportamenti e pensieri che non si dovrebbero avere? Quanto possono essere "veri" i pensieri quando si alimentano in un periodo di disagio o follia? E' "giusto" trovare un compromesso perchè è inevitabile quando vogliamo stare insieme ad una persona, oppure è giusto avere un "sano egoismo" per rimanere a galla e andare avanti? Quanto l'amore è amore o è bisogno di stare con qualcuno; di realizzare percorsi prestabiliti? Quando l'amore è amore, oppure desiderio di salvare o essere salvati? Spesso le conclusioni non sono univoche e il gioco delle parti si ribalta. E se è vero che, il più delle volte, apprezziamo quello che avevamo quando non ce lo abbiamo più, è anche vero che certe cose, a volte, è meglio lasciarle andare.

Vi aspetta una lettura difficile.

opinione di Sangueblu

E' quando leggo romanzi come questo che capisco perchè sono gli Young Adult o gli Urban Fantasy i miei libri preferiti! (... perchè raccontano di ragazzi che sono ancora pieni di sogni, di possibilità... di quell'idealismo potente e quasi irrazionale che muove i loro pensieri e spinge le loro azioni. Anche negli sbagli. Non c'è calcolo. Non c'è quella maturità che invece sporca gli sbagli dei grandi. Di quei grandi che forse, da troppo tempo, si sono dimenticati quei valori e quegli ideali e a fare i ragazzini, quando non lo sono più da un pezzo, ci sia atteggiano e basta.) 
Non fraintendetemi. Questo romanzo è molto bello. Ma è anche un pugno nella pancia. 
Soprattutto quando hai quasi quarant'anni, una famiglia, una figlia - nel mio caso -  e credi nell'amore con un idealismo che ha quasi della favola e dell'irrealtà anche se è il sale e la sostanza della tua vita quotidiana. Ed è proprio la realtà, - l'altra realtà - di cui è pregna questa breve storia, che fa male. Riflettere su qualcosa di così grande, di così vero in maniera così disincantata. Prendere consapevolezza che non solo una cosa del genere potrebbe capitare a tutti, ma soprattutto pensare a quanti veramente la vivano in prima persona quotidianamente, o ci siano passati... Percepire la sofferenza. Il dubbio. L'incertezza.
Il voler uscire dal baratro. Ritrovare la luce; l'ossigeno. E tornare a respirare.

Respirerà anche la protagonista, Sara - che per ironia della sorte si chiama proprio come me, facendomi immedesimare con ancora più dolore ed empatia . Respirerà; anche se elaborare la positività dell'ossigeno con cui sceglie di riempirsi i polmoni sarà tutt'altro che facile. Almeno per me, che in un certo senso auspico sempre il lieto fine "da favola". (E con questo non voglio dire che manchi!)
Ma, appunto, questo non è un Fantasy. E' la vita vera. E spesso, semplicemente, certe cose "non si possono aggiustare" e quindi, l'unico lieto fine possibile, è scegliere il meglio per sé stessi e trattare chi ci ha fatto del male, ci ha mentito o ha semplicemente scelto di sciupare qualcosa di bello, esattamente con il calcio nel sedere che merita.

Scusate la franchezza ma, Arturo, mi ha veramente, veramente irritata.
Sono consapevole purtroppo che in giro, di bamboccioni senza "palle" che giocano a fare i ragazzini mettendo in discussione cose che non stanno nè in cielo nè in terra solo per giustificare a sè stessi una crisi che almeno può, nella propria testa, legittimare i loro comportamenti e le loro scelte sbagliate ce ne sono a pacchi, ma io odio questo tipo di uomo.
Certamente, con questo, non voglio asserire che talvolta, nella vita, possa succedere di perdere la testa per un'altra persona, che forse è proprio quella giusta per noi, quella che avremmo sempre dovuto incontrare. Ma, a parte che sono certa che sia un caso su un milione... c'è da dire che almeno uno dovrebbe avere le "palle", appunto, (e concedetemi il termine) di essere onesto. Prima di tutto con sè stesso. Lasciare. E non tenere il piede in due staffe. Ma mi rendo conto che coì è tutto molto più comodo...
Aggiungerei che di palle, il nostro Arturo, ne ha veramente zero.
Soprattutto perchè non ha avuto neanche il coraggio di dare una spiegazione, uno straccio di qualcosa. Con una figlia di sei anni, adorante, e una moglie fac-totum che ha sempre cercato di non fargli mancare niente, lui sparisce di casa, lasciando solo un sms. Un sms nel quale chiedeva di rimanere solo.

"Non avrebbe mai potuto immaginare nemmeno lontanamente
che sarebbe andato via di casa, dalla casa che aveva comprato,
arredato e amato, la stessa in cui era entrato un mattino di settembre
con una bellissima neonata in braccio, con un sms.
Il punto era che non avrebbe avuto la forza di presentarsi
davanti a sua moglie, ma soprattutto a sua figlia, 
per spiegare il perché.
Si sentiva l'anima come i talloni dei calzini
quando stanno per bucarsi. Quasi trasparente.

Non mi stupisce che Sara non venga colta dalla disperazione.
Semmai è comprensibile l'amarezza e lo sconforto della realizzazione che i tanti ani di vita costruiti insieme forse erano qualcosa di diverso da quello che aveva sempre creduto. Diverso e lontano dalla felicità. "Per anni ho vissuto quei momenti nella mia testa nella speranza che potessero andare a nutrire il mio cuore rivestito di plastica. Per anni ho organizzato cene, fine settimana e vacanze sperando che potessero regalare battiti forti, non capendo che un matrimonio si nutre di tutti i giorni, e che se lo alimenti solo con le eccezioni allora forse l'hai già trasferito in rianimazione." 
Forse è proprio per questo che, pur potendo sembrare una sognatrice o un'idealista, sento di essere realmente felice e realizzata e grazie a questa frase capisco perchè: ogni giorno c'è un po' di magia... basta trovarla oppure crearla. Un rapporto, un matrimonio, va nutrito ogni giorno. Apprezzare e condividere insieme tutte le cose. Le belle ma anche le brutte, perchè quando si superano insieme, per mano, e ci si volta e sono alle spalle, vuol dire di averle superate insieme.
Quello che si trova a vivere all'improvviso e suo malgrado è la presa di consapevolezza, terrificante, che forse qualcosa si era già rotto in un passato troppo lontano. Quella mano, aveva lasciato la presa tanto tempo prima... si era sfilata senza neanche che se ne accorgesse. Forse è anche lei - proprio lei - ad aver bisogno di restare da sola. O almeno, senza di lui.

Da quel fatidico sms inizia sia per Sara che per Arturo un percorso di pensieri, di crescita e di cambiamenti interiori che li porterà a determinate conclusioni. Quali saranno, dovrete scoprirle voi leggendo Tutto il resto è ossigeno.

Le famiglie sono come quei pupazzi con i pesi sotto,
quelli che restano sempre in piedi.
...
Le famiglie - molte famiglie - hanno dei meccanismi
per riequilibrarsi, per sfiorare il naufragio e 
ritornare a galla.
Magari le onde feriscono chi sta sulla barca,
forse qualcuno deve essere medicato,
ma alla fine della tempesta
ci si conta e ci si ritrova tutti,
spaventati e sorridenti.

Il resto è ossigeno è un romanzo che nonostante lanci un messaggio di speranza, devo ammettere che, personalmente, mi ha lasciato con un senso di angoscia e tanta amarezza, nonostante la piccola soddisfazione di un finale, per Sara, tutto da riscrivere.


Ci sono dei silenzi perfetti nelle coppie che stanno insieme
da tempo, e silenzi che invece bisognerebbe rompere come le uova
di Pasqua, per capire cosa c'è dentro, 
per affrontare la sorpresa più brutta
e magari gettarla fuori dalla finestra.

L'Autrice

Valentina Stella, torinese, ha lavorato per dieci anni nel marketing di due grandi aziende. Fino al 2012, quando ha deciso di lasciare il lavoro dipendente per conciliare meglio famiglia e lavoro, e ha iniziato una collaborazione con un'agenzia di comunicazione. Nel frattempo, per assecondare la passione per la scrittura, ha aperto un blog, Bellezza Rara.
Nel 2014 ha pubblicato in eBook con Zandegù Editore una serie di racconti sull'essere lasciati, Se mi lascia non vale. Per dirla con parole sue, ama "raccontare il mondo delle famiglie di oggi: l'amore, la quotidianità, il tradimento e quella dimensione travolgente che è l'essere genitore.


Il Libro

editore: Sperling & Kupfer
genere: narrativa contemporanea
pagine: 222
prezzo: 17.90 euro
Rilegato
eBook: 4.99 euro

Trama

Chissà perché non sono mai scenari speciali o battute da film ad accompagnare i momenti che ci segneranno per sempre; chissà perché spesso le decisioni più importanti restano impigliate a date che non abbiamo scelto, luoghi in cui ci siamo trovati per caso, gesti che non ci rendono eroi. Arturo cammina da giorni per le strade della sua città, Torino, in cerca di qualcosa che non sa cosa sia. Si è strappato di dosso la sua vita durante una pausa pranzo qualunque, in un giorno qualunque, scappando da sua moglie - Sara - e dalla loro bambina con un sms. Travolto da una crisi improvvisa cui non sa dare un senso. Sara attende l'arrivo della disperazione. Prova a capire come abbiano fatto a infrangersi i suoi sogni e i suoi progetti. Prova a rivivere tutta la storia con Arturo, riguardando foto e rileggendo lettere. Ma si accorge che il suo cuore è calmo, come se la tristezza fosse solo stupore. Come se avesse sempre saputo tutto, ma non avesse mai voluto ammetterlo. Sara e Arturo: sono serviti undici anni per costruire una vita insieme; è bastato un istante fatto di poche parole per mandarla in mille pezzi. Ora, nell'arco di un mese o poco più, avranno modo di guardare in faccia i propri sentimenti e le proprie illusioni. Di rivedersi ventenni, quando tutto era possibile, e di ritrovarsi ancora affamati di felicità a quarant'anni, con la paura di aver sbagliato tutto e il desiderio di cambiare tutto.

martedì 26 aprile 2016

LA BATTAGLIA DEI PUGNALI di Marie Lu - Recensione

Che meraviglia. Di questo libro ho amato quasi tutto. E' stato un romanzo sorprendente, appassionante, diverso. Un fantasy epico curato nei minimi particolari con una protagonista inedita: piena di lati oscuri, sempre in bilico tra bene e male. Una ragazza coraggiosa ma al contempo vulnerabile con un potere unico: quello di farvi provare e sentire qualunque cosa. 
Anche un dolore indicibile. 
In grado di condurvi alla morte.





Il calore mi percorre scorrendo attraverso la sua mano, inondando ogni vena del mio corpo e colmandomi i polmoni di fuoco. La mia energia ruggisce nelle orecchie. Sono nel mezzo di un oceano, colpita da ogni lato da correnti incandescenti. Allo stesso tempo avverto un flusso di qualcosa di nuovo, qualcosa di cui ho provato solo un accenno durante il mio primo test con la Compagnia. La parte di me che ha risposto alla pietra della roselite, alla passione e al desiderio ora si desta. L'energia che scaturisce affluisce nel mio petto, minacciando di schizzare fuori dalla mia pelle, rendendo la mia presa o i miei poteri instabili. Delle illusioni casuali compaiono intorno a noi, lampi di foresta e notte e oceano scuro. Sono riconoscente al muro dietro di me. Se non l'avessi per appoggiarmi contro, sono certa che mi sarei accasciata sulle mei ginocchia. (...)
Poi Enzo si allontana. Il calore che mi percorre si dissolve, mentre lui recupera la sua energia, lasciandomi fredda e dolorante.

 Il parere di Eva Purple
Capelli argentati cangianti al sole che, opportunamente calati su un lato del viso, celano una brutta cicatrice che, da bambina, l'ha costretta a perdere un occhio. Così si presenta Adelina Amouteru, la protagonista di questo libro. Un'anti-eroina, una ragazza imperfetta, piena di lati oscuri e abitata da un potere capace di prevalere su qualunque altro. Capace di condurre alla pazzia o alla morte. Ma di cui ancora non sa l'esistenza.
E' così da quando ha preso quella maledetta febbre che ha decimato la popolazione degli adulti di Kenettra e segnato per sempre milioni di bambini. Alcuni ne sono usciti con "i segni": marchi nel corpo, strane tinte di capelli, voglie sulla pelle, cicatrici... Altri con in più degli oscuri poteri che li rendono quasi degli Dei. Ma il mondo non è preparato a questi poteri, e le reazioni sono divise: c'è chi ama questi ragazzi, e chi li odia, incolpandoli dei mali del mondo.
Il padre di Adelina, mercante, non riesce più a fare affari per colpa della figlia imperfetta. Per fortuna ha l'altra, Violetta, anch'ella vittima della febbre ma misteriosamente uscita indenne. A lei riuscirà a far fare un bel matrimonio, visto lo stuolo di pretendenti che già le ronza attorno... Per quanto concerne Adelina invece... deve sbrarazzarsi di lei il prima possibile. Dal momento che, a quanto pare, non ha neppure un potere valido. E' solo un mostro, imperfetta, marchiata dal diavolo. 
Decide di venderla a un mercante che si è fatto avanti, ma la ragazza si ribella e prova a fuggire di notte. Lui la insegue e la ferma, e a quel punto Adelina, sopraffatta dalla paura, scoprirà i suoi poteri. Lottando contro suo padre essi infatti prenderanno il sopravvento su di lei, finalmente liberati, e uccideranno il vecchio.
Ma tale sfoggio di energia, di forza, è stato notato e, anche se Adelina dopo l'uccisione è stata rinchiusa dall'Inquisizione nelle segrete e poi legata al palo per essere arsa viva, come una strega, come una creatura del demonio, le Giovani Elite sono già sulle sue tracce.
Sì perché c'è un piccolo esercito di ragazzi con poteri le cui fila aumentano giorno per giorno, capitanato da Il Mietitore, colui che riesce a comandare il fuoco a suo piacimento. Un esercito che opera affinché tutte le creature imperfette un giorno siano accettate e ogni forma di sopruso punito.

Un giorno. Due giorni.
Quattro giorni. Una settimana.
Due settimane. 
Tre.
Dopo ho smesso di contare. Le ore si rincorrono, un treno infinito di nulla riempito da diverse inclinazioni di luce e dal brivido della pietra fredda e umida, i pezzi della mia sanità mentale, i sussurri incoerenti dei miei pensieri. Ma domani il mio tempo finirà. Mi bruceranno sul rogo nella piazza centrale del mercato, perché tutti vedano. 

Adelina viene salvata e accolta in quel gruppo... ma non tutte le rose son fatte per fiorire...
Scrive Marie Lu, l'autrice, che in origine il suo libro aveva lo schema del classico viaggio dell'eroe, ma poi, dialogando e confrontandosi con il suo agente, ha capito che era troppo fiacco, che non funzionava. Pare sia stato lui a darle il consiglio di scegliere invece come protagonista un personaggio secondario: Adelina Amouteru. Con le sue fantastiche imperfezioni. Con le sue oscurità, la sua cattiveria che si mescola alla paura. Una protagonista indimenticabile, diversa, originale, di cui, a libro finito, si vorrebbe leggere ancora e ancora. Speriamo che, nonostante la saga continui in altri luoghi di questo mondo inventato (abbiamo un assaggio del secondo libro nelle ultime pagine), lei sia sempre protagonista.
Mi è piaciuto quasi tutto di questo libro: è coinvolgente, ha una scrittura al servizio della trama, come professa il grande Stephen King, approfondisce la psicologia dei personaggi in modo eccelso, descrive la magia e la brama/paura del potere benissimo, conduce una storia sentimentale in modo molto controverso e appassionante, ha un finale sorprendente e perfetto, audace e spiazzante... E poi l'autrice crea un mondo unico, una città del medioevo brulicante di persone, con uno skyline che sembra accogliere mille religioni e mostri-animali - le eleganti quanto temibili balire, simili alle mante, ma in grado di volare nel cielo - come mezzi di trasporto. E' una dimensione magica e violenta, che non perdona, dove le folle si esaltano per nulla, dove la gente non esita a cercare un capro espiatorio. Dove il diverso viene etichettato e isolato, a volte anche soppresso.

Mi occorre un attimo per comprendere che la danza è terminata. Intorno a noi tutti gli altri danno un rapido bacio ai loro partner di ballo, un gesto armonioso tra amore ed entusiasmo festante. (...) Rivolgo un'occhiata a Enzo, improvvisamente timida: sono amore o ebbrezza dei festeggiamenti?
Lui sorride, mi tira più vicina e si china. I solchi minuziosamente intagliati della sua maschera sfregano contro la mia e mi domando se lascerà un tocco di brillantini sulla sua scia. Chiudo il mio occhio. Un attimo dopo le sue labbra toccano le mie. Un semplice tocco.
deve essere stato breve - probabilmente un secondo, non di più - ma a me pare sia durato in eterno, come se lui avesse sospeso entrambi in questo modo per un attimo più lungo del necessario. Il gorgoglio familiare del calore mi pervade, la sensazione lussuosa di un bagno caldo in una notte gelida; gli restituisco il bacio, chinandomi su di lui, assaporando il suo calore.
Poi finisce. Mi ritrovo a guardare nei suoi occhi, e lì vedo linee scarlatte che fendono dall'interno le sue iridi splendenti. Le sue labbra sono ancora molto, molto vicine.

La storia è densa di colpi di scena, molto visiva, cinematrografica, non molla il lettore. Si arriva alla fine e se ne vuole ancora.  Anche perché ci si affeziona subito ai suoi personaggi che sono davvero tutti in chiaroscuro: camminano in equilibrio precario su una vita difficile. Da una parte c'è l'abisso infernale, dall'altra il paradiso. E i loro poteri spesso li fanno propendere da una parte o dall'altra.
Il "quasi" che ho lasciato nel giudizio complessivo è dato dalle primissime pagine, che ho trovato poco attraenti, poco catturanti. Per fortuna poi il libro decolla... e fa dimenticare quella lieve imperfezione.
Lo consiglio vivamente. E' un fantasy davvero nuovo e avvincente, assimilabile - anche se ha degli elementi di originalità molto forti - con "The Queen of Tearling" (qui la mia reensione). E' bello sapere che il fantasy non è morto ma vivo e vegeto, e ancora in grado di creare piccoli capolavori! Buona lettura! 

Il libro
Casa editrice: Newton & Compton
Genere: Fantasy epico
Pagine:352
Prezzo: 9.99 cartaceo; 4.99 ebook 

The Young Elites series consta di 3 libri, tutti già editi negli States:


The Young elites #1 uscito nel 2014 (30 edizioni)
The Rose Soceity #2 uscito nel 2015 (20 edizioni)
The Midnight Star #3 uscito nel 2016 (7 edizioni... ma altre probabilmente in corso d'opera...)


L'Autrice
Laureata alla University of Southern California, ha lavorato nell’industria dei videogames come programmatrice Flash per una divisione della Disney. Ora fa la scrittrice a tempo pieno e, prima di questa serie, ha firmato la Legend series, una trilogia distopica di grande successo in America. Vive a Los Angeles col marito e tre cani. Per maggiori informazioni, visitate il suo sito www.marielu.org.

La trama
Adelina Amouteru è una sopravvissuta. Dieci anni fa il suo Paese è stato colpito da un’epidemia. Sono morti quasi tutti, e i pochi bambini rimasti in vita sono stati marchiati per sempre dalla malattia. I bei capelli corvini di Adelina sono diventati color argento, le sue ciglia bianche, e l’occhio sinistro è sostituito da una brutta cicatrice. Il suo crudele padre la considera un’appestata, una maledizione per la casata degli Amouteru. Ma i sopravvissuti hanno acquisito anche straordinari poteri magici, per questo la popolazione li chiama “Giovane Elite”.
Teren Santoro è al servizio del re, dirige l’Inquisizione: il suo compito è scovare i sopravvissuti della Giovane Elite e annientarli. Lui li considera malvagi, eppure è lo stesso Teren a nascondere grandi ombre nel suo cuore.
Enzo Valenciano fa parte della Compagnia della Spada, un gruppo segreto all’interno della Giovane Elite, nato con il compito di combattere l’Inquisizione. Ma quando incontrerà Adelina, scoprirà che la ragazza possiede poteri che mai nessuno ha avuto prima e cercherà di convincerla a combattere al suo fianco.

LAGGIU' MI HANNO DETTO CHE C'E' IL SOLE di Gayle Forman - recensione

Un New Adult che arriva dritto al cuore e al cervello: una storia toccante ma al contempo molto coinvolgente e in grado di far riflettere. Un mix di giallo, romance e romanzo impegnato.Un libro che vi entrerà dentro, conquistandovi nel profondo.


"Non sapevo niente della sua vita qui. Non sapevo quali corsi seguisse né con chi abitava. Ignoravo che avesse adottato due gattini malconci e che si fosse presa cura di loro, per poi lasciarli orfani. Non sapevo nemmeno che frequentasse i locali di Seattle, che avesse degli amici e si prendesse delle cotte per ragazzi che le spezzavano il cuore. Ero la sua migliore amica e non sapevo niente di tutto questo perché lei non me lo aveva detto. Non mi aveva mai parlato del suo male di vivere. Non avevo la minima idea di quello che stava passando. (...) Com'è possibile che una ragazza così bella e vitale, la persona più magica che io abbia mai conosciuto, soffrisse tanto da arrivare a ingerire un veleno talmente potente da farle fermare il cuore?"

Il parere di Eva Purple
La storia comincia come una specie di giallo piuttosto angosciante, in cui il cadavere viene trovato da subito: è quello di Meg, migliore amica di Cody.
Meg che grazie ai suoi voti brillanti e all'appoggio economico dei suoi genitori è riuscita a cominciare l'università di Seattle per prima. Per un anno Cody ha lasciato che l'invidia minasse il bel rapporto che aveva con lei sin da quando erano bambine, e ora che Meg si è tolta la vita si sente colpevole, come se le sue mancanze in qualche modo potessero aver aiutato l'amica a convincersi che solo quella fosse la via d'uscita possibile.
Così Cody accetta di buon grado la proposta dei genitori di Meg di recuperare la sua roba rimasta nell'appartamento che condivideva con altri studenti a Seattle. Pensa infatti che possa essere un modo per frugare nelle cose di Meg, per entrare negli ultimi istanti della sua vita, e cercare di capire cosa l'ha portata al suicidio.
Cody fa la conoscenza dei coinquilini di Meg: Harry, nerd sempre rinchiuso nella sua stanza; Richard, strafatto di erba e figlio di una famiglia numerosa protestante; Alice, all'apparenza oca giuliva ma capace invece di attaccarsi a lei in poco tempo. 
Tutti sembravano non aver amato particolarmente la sua amica che, ammette Cody, era piuttosto selettiva con le amicizie. Chi invece le stava molto a cuore, forse anche troppo, era Ben, "il ragazzo con la chitarra", un cantante e musicista di una band indie rock che, a quanto pare, ha avuto con Meg un rapporto sentimentale. O qualcosa di simile.

L'intonaco si crepa. Molla un altro pugno e le nocche cominciano a sanguinargli.
"Smettila, Ben!" Mi lancio verso di lui e lo afferro per i polsi prima che possa rifarlo.
"Smettila! Non è stata colpa tua! Non è stata colpa tua! Non è stata colpa tua!"
Ripeto come un mantra le parole che vorrei sentirmi dire. E all'improvviso ci baciamo. Sento il sapore del suo strazio e della sua impotenza, delle sue lacrime e delle mie. 

Cody comincia a indagare su di lui, forte di alcune mail indirizzate al ragazzo che ha trovato nel PC di Meg, ma presto scopre che in realtà non è stato Ben a spingere la sua amica a compiere il gesto fatale, ma una sorta di comunità di mutuo aiuto al suicidio che si incontra in un forum su internet, in modo particolare uno dei tutor agli aspiranti suicidi che, a quanto scopre, ha "aiutato" più persone.
A questo punto Cody, con l'aiuto dei coinquilini di Meg e di Ben, decide di andare a fondo, fingendosi anche lei una aspirante sucida per stanare questo personaggio.
La finzione però le scappa un po' di mano e Cody con il pretesto di sembrare realitistica mette in campo anche i propri sentimenti, cominciando a provare delle affinità con i propositi sucidi dell'amica. 
Scoperto dove lavora e dove abita il membro del forum incriminato, parte con un'auto a nolo assieme a Ben e attraversa tutta l'America. 
Ma ciò che troverà laggiù non sarà quello che cercava.
Grazie però a questa "indagine" capirà che, per se stessa non è tutto perduto. Che lei, nonostante la profonda amicizia e il fatto che, da piccole, tutte le chiamavano "gemelle", non assomiglia a Meg e non potrà mai fare la sua stessa fine. Che forse tutta questa ricerca ossessiva può averle portato anche l'amore, se comincerà a crederci. E a ritenersene degna.

"Mi hai spaventato, Cody. Mi hai spaventato a morte."
"Perché sei uno stronzetto di città" ribatto. "Gli stronzetti di città sono dei gran fifoni." 
"Così si dice."
"Be', comunque anche tu mi fai paura."
Spalanco le braccia. e, come mi succede sempre quando sono con lui, quello che dico è esattamente l'opposto di quello che provo. Restiamo abbracciati, nella luce del primo mattino. Ben mi scosta una ciocca di capelli dagli occhi e mi bacia sulla tempia. 

Quando tornerà a casa, tutto le apparirà con occhi diversi, e la verità sulla morte di Meg le sarà svelata. 
"Laggiù mi hanno detto che c'è il sole" è un libro brillante, che tratta un tema difficile - il suicidio - con delicatezza, intelligenza e sensibilità. Si vede, si capisce (e le pagine finali dei ringraziamenti avvalorano questa sensazione), che l'autrice ha studiato da vicino non solo il tema, ma soprattutto la psicologia dei suoi personaggi - anche di Meg - che sono sempre credibili e perfettamente coerenti, fino in fondo. Molto bello il passo in cui Cody scopre la verità sulla morte della sua migliore amica, toccante e realistico, in grado di coinvolgere e allo stesso tempo di far riflettere.
Un New Adult appassionante come un giallo e appena venato di romance. Un libro che lascia il segno, mai banale o scontato, ma capace di toccare - e scuotere -  la profondità dell'animo dei lettori.

Il libro
Casa Editrice: Mondadori
Genere: New Adult
Prezzo: 18 euro versione cartacea; 9.99 versione ebook
Pagine: 288


L'Autrice
Gayle Forman è giornalista freelance, si occupa da sempre di giovani e tematiche giovanili. Ha vinto, fra gli altri, il prestigioso premio NAIBA Book of the Year Awards e l'Indies Choice Book Awards. Vive a Brooklyn con la sua famiglia.
Con Mondadori ha pubblicato Per un giorno d'amore, Per un anno d'amore, Resta sempre qui e il bestseller Resta anche domani da cui è stato tratto un film.

La Trama
"Mi rincresce informarvi che mi sono tolta la vita. Era una decisione che meditavo da tempo e di cui mi assumo tutta la responsabilità. So che vi addolorerà, e mi dispiace tanto per questo, ma dovevo porre termine alla mia sofferenza. Voi non c'entrate niente, è stata una mia scelta. Voi non avete nessuna colpa." Questa è la lettera che Cody riceve il giorno in cui Meg, la migliore amica di sempre, si toglie la vita bevendo una bottiglia di candeggina in una squallida stanza di un motel.
Cresciute insieme, Meg e Cody erano inseparabili, non esistevano segreti tra loro, o almeno questo era quello che pensava Cody. Quando però va a recuperare le cose dell'amica nella città dove un anno prima si era trasferita per andare al college, scopre che c'è tutta una parte della vita di Meg da cui lei era stata esclusa: i coinquilini, gli amici del college e Ben. Il ragazzo con la chitarra, un sorriso strafottente e tanti, troppi lati oscuri. E poi c'è un file criptato sul computer dell'amica che una volta aperto sconvolgerà Cody: all'improvviso tutto quello che credeva di sapere su Meg sembrerà non avere più senso."

OVUNQUE CON TE di Katie McGarry - recensione

Nel momento in cui ho detto "lui mai"
ho capito che sarebbe stato per sempre.


La penna di Katie McGarry è una garanzia per chi ama i romanzi Young Adult ricchi di sentimento ed introspezione. Poche autrici sanno raccontare i palpiti del primo amore con l'intensità, il trasporto e la purezza che sa usare lei, unendoli al tormento di situazioni personali e familiari complicate e segreti di un passato che andranno a poco a poco svelati. Anche questa nuova Serie "Thunder Road" che arriva in Italia grazie ad Harper Collins si sta rivelando assolutamente meravigliosa grazie a questo primo volume "Ovunque con te" che mi ha letteralmente conquistata grazie alla sua storia così "forte" e "tormentata". Un "tuffo" nel mondo dei bikers: tra tatuaggi e giubbotti di cuoio, regolamenti di conti e un passato tutto da scoprire.
Oz ed Emily: due ragazzi apparentemente tanto diversi e distanti quando invece hanno in comune molto più di quanto pensano. Tutti li vogliono separare ma allo stesso tempo, proprio Oz, riceverà l'importante compito di sorvegliarla e proteggerla. Volete sapere perchè? Proverò a raccontarvelo nella mia recensione!


opinione di Sangueblu


Come farai a sapere che hai trovato il tuo post nel mondo se non ti azzardi 

mai ad esploralo al di là della campana di vetro sotto cui vivi?

Emily è una ragazza tranquilla, serena e felice.
Nonostante alcune paure molto difficili da affrontare e soprattutto il fatto, difficile da digerire, di essere nata quasi per sbaglio ed essere stata rifiutata dal suo padre biologico.
Ma questo per Emily non sembra un grande problema. Ha un padre adottivo che la ama immensamente e con cui condivide un grande feeling; una madre forte e determinata che ha saputo tenere in mano le redini della loro nuova vita lontana dal Kentucky e si è abituata alle visite annuali del suo padre biologico, dopo averlo conosciuto per la prima volta all'età di otto anni.
La sua vita scorre tranquilla; nella semplicità Emily trova quotidianamente la sua felicità in una vita senza sorprese; dove tutto è prevedibile. Ma, come è ovvio che sia, arriva presto il giorno che scombussolerà la sua routine e la sua vita. Una notizia arrivata come un uragano che scardinerà le fondamenta di tutte le sue convinzioni.
Questa notizia è quella del funerale della nonna Olivia, madre di Eli (il suo padre biologico) mai conosciuta ma misteriosamente tanto importante persino per la mamma ### che iniste perchè lei parta per Snowflacke e partecipi alla funzione. Incapace di dire di no Emily si appresta a partire, pur di accontentare una madre che fin dal primo giorno della sua nascita si è presa cura di lei tutta da sola fino ai suoi quattro anni, ma anche spinta dalla curiosità di conoscere meglio Eli ed il suo mondo, e forse capire il perchè della sua scelta di non accettarla e di non vederla fino al suo ottavo compleanno.

E' proprio vero il detto "la curiosità uccise il gatto" perchè anche se per Emily da questo monìmento in poi avverrà una sorta di "rinascita", sicuramente verrano "uccise" giorno dopo giorno, durante la sua permanenza in Kentuky, tutte le sue certezze perchè scoprirà a poco a poco un castello di segreti e di bugie che riguardano il suo passato e i suoi familiari.

Innanzitutto la nonna Olivia, non è morta.
Eccentrica Matriarca del "Reign of Therror" - il Club di motociclisti di cui fa parte suo padre Eli, che è un'organizzazione complessa e strutturata molto simile ad una grande Famiglia - malata terminale di cancro, decide di "festeggiare" la sua dipartita per godersi lo il suo funerale. Immaginatevi la scena di una inconsapevole nipote che si avvicina al suo feretro durante la Veglia Funebre e la vede sollevarsi all'improvviso dalla bara... In effetti piuttosto macabro ma anche "divertente", perchè capiremo, andando avanti con la lettura, che tipo sia questa donna forte e generosa che usa questo stratagemma per ritrovare una nipote adorata che era stata allontanata - ingiustamente - dalla sua vita e dai suoi affetti.

E poi c'è Oz...
Dannatamente bello e assolutamente determinato a far parte del "Reign of Therror". Oz; così legato a tutti quelli che dovrebbero essere parenti di sangue di Emily e che fino a quel momento erano stati dei perfetti sconosciuti... Oz demolirà pian piano tutte le sue certezze facendole capire quanto ci sia di buono nel loro Moto Club, quanti valori e quanta integrità muova i loro passi e le loro scelte. Loro sono i buoni. Loro sono una Famiglia. Al Reign of Therror Oz si sente destinato fin dalla nascita ed esserne membro è il suo sogno più grande.
Per ottenerlo gli viene affidata, proprio da Eli (il padre di Emily) la Prova definitiva prima della grande "investitura": sorvegliare e proteggere Emily dalla terribile banda di motociclisti rivale che, a differenza loro, vivano senza scrupoli senza rispettare la Legge. E adesso Emily è in pericolo. In serio pericolo. Per un regolamento di conti tra loro. Questa situazione pericolosa e bizzarra però, diventerà anche il pretesto per Oz, per Emily e per tutta la "famiglia allargata" di far luce sul passato e recuperare preziosi momenti perduti che cambieranno il corso degli eventi futuri.

Questa sarebbe la ragione per cui non esco con le brave ragazze
e non me le faccio. Io voglio godermi la vita
e le brave ragazze vogliono invece buttarla giù,
ricostruirla e riformarla.
A me non interessa farmi cambiare,
né mi interessa traviare le brave ragazze,
quindi posso benissimo vivermi la vita a modo mio.

La storia è a dir poco avvincente, da quello che avrete già potuto intuire.
Ma vi assicuro che c'è ancora molto di più.
La storia d'amore tra Emily ed oz è stupenda! La loro alchimia... Il loro feeling... Il loro scoprire e scoprirsi a vicenda... Il loro percorso che li porterà ad accettare il loro passato e il loro nuovo futuro, consapevoli del fatto che saranno loro a scriverlo.
Il loro rapporto stesso sarà in continua evoluzione. Da un'iniziale antipatia e senso di disagio, si trasformerà in un qualcosa di tenero e magnetico a cui sarà impossibile resistere, decretando Oz come uno di quei personaggi di carta ed inchiostro davvero difficile da dimenticare.


"Mi piace come sorridi e come ridi.
Mi piace come vuoi bene alla tua famiglia e come la difendi,
e come tu abbia cercato di voler bene alla mia. Mi piace come ti fidi.
Ma più che altro, Emily, mi piace come sto quando ti sono accanto."

Entrambi, soprattutto Emily, crescono pagina dopo pagina, man mano che cresce la storia... La sua diffidenza e il suo disinteresse iniziale nel conoscere meglio la famiglia paterna che non aveva mai incontrato prima viene pian piano sostituita dalla voglia di mettersi in gioco e creare legami veri. Con tutti i personaggi collaterali - ma di centrale importanza - che graviteranno intorno alla storia.
Altro pregio del romanzo, infatti, è proprio quello di essere un romanzo corale. Anche se a raccontarlo in prima persona si alterneranno proprio Emily ed Oz, tutti daranno la loro voce per contribuire ad arricchire la storia aggiungendo preziosi tasselli. (Sarà bello poter leggere degli altri personaggi che saranno i protagonisti dei prossimi volumi!)
Il finale, forse un po' telefonato, non manca però di commuovere ed emozionare. Ma forse, la cosa più bella per me, è la lettera di Olivia.
Una storia assolutamente da non perdere, che si legge tutta di un fiato, nonostante le sue quasi cinquecento pagine. Katie MgGarry è una garanzia!

Grazie infinite alla Harper Collins per aver portato in Italia questa bellissima serie e un altro grazie ancora più grande, per avermi inviato la copia del romanzo in anteprima! :-)



La Serie "Thunder Road"

1 - Ovunque con te
2 - I due lati dell'amore ( di prossima pubblicazione) su Rasoio
3 - in fase di scrittura
4 - in fase di scrittura

La Serie "Pushing the limits"

1 - Oltre i limiti  ( recensione QUI )
1,5 - Complice la notte  novella in eBook
2 - Scommessa d'amore  
3 - Un'estate contro  ( recensione QUI )
4 - Una sfida come te

L'Autrice


Katie Mc Garry è appassionata di musica, degli "…e vissero tutti felici e contenti", e dei reality. Adora scrivere con l'inchiostro colorato, soprattutto rosa e viola, ed è una tifosa della squadra di basket dell'Università del Kentucky… anche se non lo ammetterà mai. Le piace conoscere i pareri dei suoi lettori. Seguila sul suo sito web www.katiemcgarry.com o diventa fan della sua pagina Facebook

Il Libro


editore: Harper Collins Italia
genere: Young Adult
pagine: 476
prezzo: 16:00 euro
Rilegato
eBook: 6.99 euro

Trama

Emily ha diciassette anni ed è felice della propria vita così com'è: genitori amorevoli, buoni amici e un'ottima scuola, in un quartiere tranquillo. Certo, non può negare di essere curiosa riguardo al suo padre biologico, quello che ha preferito unirsi a un club di motociclisti - il Regno del Terrore piuttosto che essere genitore; ma questo non significa che lei vorrebbe far parte di quel mondo. Quando però una timida visita si trasforma in una lunga vacanza estiva tra parenti che non sapeva di avere, una cosa le è chiara: niente è come sembra. Il club, suo padre, e nemmeno Oz, un ragazzo che ipnotizza con i suoi occhi blu e che può aiutarla a capire quella vita. Oz desidera una cosa sola: unirsi al Regno del Terrore. Loro sono quelli buoni. Proteggono la gente. Loro sono... una famiglia. Mentre Emily è in città, Oz glielo dimostrerà. Così, quando il padre di lei gli chiede di tenerla al sicuro da una banda rivale con un conto da regolare, per Oz è un sogno che diventa realtà. Quello che non sa è che Emily potrebbe infrangerlo, quel sogno.

venerdì 22 aprile 2016

SEGUIMI di Jennifer Probst

Non mi ha convinto questa prova "giocosa" di Jennifer Probst, che mescola New Adult, Contemporary Romance ed Eros. E' un romanzo leggero, vivace e veloce (180 pagine) ma a me è sembrato semplicemente incompleto e troppo esile, sia come trama che come dimensione. La scrittura però è sempre al top.




NOn era bello come un attore, non aveva i muscoli gonfi e il corpo coperto di tatuaggi e piercing. Era appoggiato alla ringhiera dietro il bar e mi guardava con un sorrisetto sulle labbra piene. Come se fosse divertito dal fatto che non stavo facendo niente. Aveva la pelle abbronzata e i capelli neri come la notte che ricadevano in ricci perffettamente scompigliati sulla fronte. Gli occhi erano di un azzurro sorprendentemente chiaro, tanto da emanare una lunce singolare. Cercai di distogliere lo sguardo, ma lui non me lo permetteva: continuava a fissarmi come se 
il primo tra noi a cedere avrebbe perso la sfida.
Mi vennero i brividi, a dispetto del sole cocente. Qualcosa in quel suo pigro interesse mi diceva che stava decidendo se stare al gioco. Nel qual caso, sarebbe stato un gioco duro.


Il parere di Eva Purple
Jennifer Probst ha accolto l'invito a partecipare, assieme ad altre scrittrici, al progetto - Sex on The Beach - che prevede l'uscita di una serie di libri con protagonisti diversi personaggi di una cerchia di amici. I libri in tutto sono cinque, e le altre scrittrici coinvolte sono Jenna Bennet (due libri per lei) e Jen McLaughlin (1 solo libro). La Probst ha scritto due libri di questa serie, "Seguimi" e "Prendimi", ma la Corbaccio non ha acquisito i diritti di tutto il progetto, bensì solo quelli - per opzione - dell'autrice che pubblica. Quindi in Italia (salvo sorprese), leggeremo solo "Seguimi" appena uscito e "Prendimi", prossimamente (giugno) sugli scaffali.
I protagonisti, anzi, le protagoniste di questa serie sono tre giovani amiche, classe New Adult (ventenni o poco più). I libri, contemporary romance, hanno però buono spazio dedicato al sesso, con descrizioni esplicite e per nulla brevi.
Nell'introduzione al libro la Probst dice di essersi molto divertita ad accettare questa sfida, ritrovando il gusto e la leggerezza di giocare con le parole.
La storia è fresca, giovane, vivace, anche se la trama, nel suo complesso, è  molto essenziale, per non dire esile.

"Ti rendi conto di quanto sei splendida?"
lei si morse un labbro con aira preoccupata. "No." 
Risi. Anche questa era la prima prima volta. Non avevo mai avuto una donna che rifiutasse un complimento. "Lo sei. Guardati. Il tuo corpicino sexy avvolto nel vestitino nero. Vorrei togliertelo, assaggiarti dappertutto, farti venire. Farti urlare." Le si dilatarono le pupille e ansimò, lasciandosi accarezzare i capelli, le guance, le spalle nude. "Ma adesso ti bacerò soltanto, Quinn".

Quinn, ragazza perfetta, campionessa negli studi e dedita al volontariato nel suo tempo libero, si prende una vacanza a Key West con le amiche e decide di osare, di gustarsi la vita senza pensare ai suoi valori e alle sue gabbie mentali. Incontra James, rampollo di una famiglia ricca, abbandonato a se stesso, dedito a feste e all'inerzia, ma con un animo nascosto da artista maledetto. I due si incontrano, si scontrano, si piacciono  e fanno del sesso e dell'amore bollente. Nasce in pochi giorni - sei - un amore indimenticabile, che non può essere spezzato. Ma una scommessa (nulla di nuovo sotto questo sole) fatta da James con i suoi amici poco prima di conoscere Quinn (riuscirai a fartela o no?) fa cadere la possibilità di un futuro tra i due. James non è pronto, per Quinn, finché non si sarà ritrovato, finché non avrà capito cosa vuole veramente dalla vita. Quindi la ragazza abbandona l'isola di Key West e torna alla ventosa Chicago. Mi fermo qui per non spoilerare, ma il finale s'indovina.
Seppur scritto a un buon livello - la penna di Jennifer Probst non si smentisce - il libro, come avrete avuto modo di notare anche da questa mia breve ricostruzione, non è esente da banalità e frettolosità.
Essendo infatti molto breve - volutamente breve, visto che è una delle condizioni del progetto - risulta a volte superficiale: i profili psicologici dei personaggi sono abbastanza annacquati e il finale è molto veloce e poco credibile.
Insomma, una lettura che non mi ha convinto fino in fondo.


 Il libro
Casa Editrice: Corbaccio Editore
Genere: New Adult/Contemporary Romance (con punte di eros)
Prezzo: 12.90 versione cartacea, 9.99 versione ebook (un po' alto per 200 pagine scarse)
Pagine: 180 

L'Autrice

Jennifer Probst è autrice di numerosi libri di Romance fiction Sexy&Erotic. Il successo mondiale è arrivato con la serie «Contratto indecente», «Contratto fatale», «Contratto di passione» e «Contratto finale», pubblicati in Italia da Corbaccio, che ha pubblicato anche «Vendetta piccante», «Fire», la serie «Cuori solitari»:«Cercando te», «Sognando te» e «Trovando te», un'appendice alla serie dei contratti «Il libro degli incantesimi», disponibile solo in ebook, «Potere esecutivo» e, assieme ad altre autrici bestseller, la raccolta di racconti «Baby its' cold outside». Jennifer Probst vive a New York con il marito e i figli.o, e un'appendice alla serie dei contratti «Il libro degli incantesimi», disponibile solo in ebook. Jennifer Probst vive a New York con il marito e i figli.

La trama
Quando Quinn ha accettato di trascorre un weekend di puro divertimento a Key West non sapeva che avrebbe incontrato James Hunt. E quando James Hunt le ha fatto capire che dietro i suoi occhi blu come il mare c’era un uomo disposto ad amarla per tutta la vita, lei gli ha creduto, senza immaginare che la loro relazione si basava su una menzogna… E quando James e i suoi amici hanno scommesso sul fatto che James sarebbe riuscito a portarsi a letto Quinn nel weekend, non si è reso conto che era Quinn che voleva e che la scommessa non gli interessava più nulla. Certo se Quinn fosse venuta a sapere la verità…

giovedì 14 aprile 2016

#1a Tappa DYLAN MAGON BLOGTOUR: Presentazione e regolamento Giveaway


Cari amici, ci siamo! E' in partenza il primo Blogtour Musical-Letterario d'Italia! Nato con l'intento di far conoscere una voce emergente di cui ci siamo innamorati ed evidenziare quanto forte ed interessante sia il connubio tra la musica e i romanzi che leggiamo. Un gruppo di 20 blogger e 10 autori italiani vi accompagneranno in un viaggio pieno di sorprese...
Se ci seguirete in tutte le tappe, potrete conoscere i tanti aneddoti musicali nascosti in alcuni dei nostri libri preferiti o che riguardano i loro autori e scoprire più da vicino un nuovo talento musicale e tutto quello che porta all'uscita di un disco e alla strada per la realizzazione di un sogno. Tanti contenuti e video esclusivi vi aspettano.
Ma avrete anche l'occasione di vincere una valanga di premi! Tanti buoni AmazonTutti i libri autografati dagli autori partecipanti al blogtour, i gadget realizzati appositamente per l'evento, il nuovo singolo di Dylan il giorno dell'uscita, la possibilità di partecipare al backstage durante la realizzazione del prossimo video e un favoloso week-end per due persone nell'esclusivo Agriresort Le Porcine* sul lago di Bolsena. 




video



GIVEAWAY

1° PREMIO
WEEK-END per due persone presso l'Agriresort LE PORCINE sul lago di Bolsena (http://www.agriresortleporcine.it/) + il nuovo singolo il giorno dell'uscita + segnalibro dell'evento + cartolina autografata da Dylan Magon.


2° PREMIO
Partecipazione al BackStage del prossimo video per due persone + 2 T-Shirt dell'evento + il nuovo singolo il giorno dell'uscita + segnalibro dell'evento + cartolina autografata da Dylan Magon.
3° PREMIO
Buono Amazon da 25 Euro + T-shirt dell'evento + il nuovo singolo il giorno dell'uscita + segnalibro dell'evento + cartolina autografata da Dylan Magon.
4° PREMIO
Buono Amazon da 25 Euro + nuovo singolo il giorno dell'uscita + segnalibro dell'evento e cartolina autografata da Dylan Magon.
5° PREMIO
Buono Amazon da 15euro + nuovo singolo il giorno dell'uscita + segnalibro dell'evento e cartolina autografata da Dylan Magon
Dal 6° al 14° premio

+ cartolina autografata da Dylan Magon e segnalibro dell'evento
15° premio
IL GRAFFIO DEL VENTO (eBook) di Mayra Scott MJ Heron


16° premio
IL CAMMEO DI OSSIDIANA (eBook) di Virginia de Winter


17° premio
Buono amazon da 10 euro + nuovo singolo il giorno dell'uscita + segnalibro dell'evento e card autografata da Dylan Magon.
18° e 19° premio premio
la T-Shirt dell'evento + nuovo singolo il giorno dell'uscita + segnalibro dell'evento e card autografata da Dylan Magon.
dal 20° al 35° premio
la Tazza dell'evento + cartolina autografata da Dylan Magon e segnalibro dell'evento.
Dal 36° al 40° premio
Il nuovo singolo di Dylan il giorno dell'uscita.
Dal 41° al 50° premio
Card Autografata da Dylan Magon e segnalibro dell'evento.

I GADGET


REGOLAMENTO

Per partecipare all'estrazione basterà acquistare il singolo "Atomi e Molecole" su iTunes compilare il form sottostante in tutti i suoi campi. Punti extra verranno assegnati a chi commenterà le varie tappe e chi condividerà l'evento sui propri social. Tutti coloro che diventeranno fan di Dylan su Twitter ed Instagram riceveranno un video ringraziamento personalizzato!

*Chi non usa iTuns, può acquistare da qualsiasi altra piattaforma digitale. Faranno fede la ricevuta d'acquisto o lo screen-shot della stessa, inviata all'indirizzo mail dylanmagonblogtour@libero.it
*Chi non usa iTuns, può acquistare da qualsiasi altra piattaforma digitale. Faranno fede la ricevuta d'acquisto o lo screen-shot della stessa, inviata all'indirizzo mail dylanmagonblogtour@libero.it

L'acquisto del singolo atomi e molecole è condizione essenziale per partecipare all'estrazione dei premi.

a Rafflecopter giveaway

CALENDARIO TAPPE




Il Dylan Magon Blogtour e i Lit-Blogger United vi aspettano domani sul blog di Beira

Beira's Heart

per parlare di musica con Davide Roma
e il suo  "Il bacio di Jude"


Un doveroso e sentito ringraziamento va a Pamela Fattorelli e allo studio CatnipDesign che ha curato impeccabilmente la grafica di tutto il Blogtour - compresa quella dei gadget in palio - e a tutti gli autori  ( MJ Heron - Mayra Scott, Dante  Bianca Marconero, Daniela Volontè, Davide Roma, Anna Giraldo, Virginia De Winter, Edy Tassi, Silvia Montemurro, Leonardo Patrignani, Sara Mengo)  che, con grande entusiasmo, hanno deciso di accompagnarci in questo percorso.

* Una suite matrimoniale più prima colazione per due persone da prenotare secondo disponibilità.

mercoledì 13 aprile 2016

IL POTERE DELLA LISTA di Roxanne St. Claire - Recensione


"E' sicura che si tratti di incidenti? E non magari di..." Omicidi? "Gesti intenzionali?"
"Sono incidenti letali, ma restano disgrazie... maledette disgrazie."
"Io..." Mi sto sforzando di rimanere calma, di ignorare i brividi di terrore e di rabbia che mi scuotono il corpo. "Io non credo nel soprannaturale. E nemmeno alle maledizioni."
Lei mi concede un sorriso sarcastico. "Nessuno ci crede, all'inizio. Dopo un certo periodo, però... non si può negare che sulla classifica gravi una forza molto potente. Qualcosa di insidioso e imprevedibile che non lascia tracce di crimini, solo il fetore di una maledizione."


Il parere di Eva Purple

Non c'è che dire, Il potere della lista è sicuramente un libro originale. A partire dalla copertina, molto horror britsh, con quei piatti rossi che rimandano subito all'idea del sangue... E' la copertina della versione originale americana di Delacorte Press (leggermente ritoccata in chiave dark), dove però il titolo si sposava meglio con l'immagine, dal momento che diceva "The all fall down". 
Si tratta di un New Adult in salsa mistery molto interessante, con una protagonista amante del latino antico e gravata da un senso di colpa pesantissimo: quello di aver involontariamente causato la morte del fratello maggiore. Kenzie Summerall, di solito considerata una nerd e quindi lontana da ogni tipo di popolarità, viene però inserita nella "Lista" che gli alunni maschi della Vienna High stilano ogni anno, la lista delle più belle ragazze della scuola. E non è neppure tra gli ultimi posti, ma al quinto: nè troppo in basso, nè troppo in alto.
Sorpresa e spaesata da questa nuova "etichetta", Kenzie non farà in tempo a godersi i premi dell'inedita popolarità guadagnata: presto infatti le ragazze della lista cominciano a morire una dopo l'altra, con incidenti fin troppo casuali e naturali, facendo pensare a una maledizione... Con l'aiuto di un improbabile fidanzato, Levi Sterling, in totale contrasto con il fascino stereotipato di Josh, il giocatore di football di cui è era innamorata dai tempi delle medie, e della sua migliore amica, Kenzie cercherà di indagare su queste morti poco sospette che stanno falciando una ragazza dopo l'altra, in ordine di classifica, fino ad arrivare a un passo da lei... alla quarta nella lista.

Mi avvicino alla mia amica. "E se fosse stata uccisa perché era nella classifica?"
Lei reagisce come mi aspettavo: è incredula, però sorride. "Ehi! Sono io quella che crede che la lista sia importante, però non penso che una delle duecento e passa ragazze rimaste fuori possa uccidere per questo" mi risponde. "E comunque, non si è liberato un posto."
"Non lo so" ribatto a bassa voce. "Ma è spaventoso."
"La morte è spaventosa" concorda lei, guardando alle mie spalle. "E sai cos'altro è spaventoso?"
"Cosa?"
"Levi Sterling."
Mi volto di scatto senza nemmeno pensarci e incontro quello sguardo bruciante, fisso nel mio. Dentro di me ogni cosa cambia di posto... il cuore, lo stomaco, il centro di gravità.

A metà strada tra Little Pretty Liars e Killer Instinct (qui la mia recensione), "Il potere della lista" è un romanzo fluido e abbastanza appassionante. Le scoperte avvengono passo passo, e il finale non è telefonato. Inoltre la componente romance della storia è piacevole e mai banale. La protagonista è ben delineata, fedele a se stessa, decisa, coraggiosa e molto "topo di biblioteca" fino alla fine. Divertenti le sue critiche alle bellone stile cheerleader della lista.
Avrei gradito un po' più di coinvolgimento, di emozione, ma per il resto è un libro godibile e originale. Che vale la pena leggere.

L'Autrice


Roxanne St. Claire è autrice di oltre trenta romanzi rosa e thriller per adulti e ragazzi. Ha vissuto a Pittsburgh, Los Angeles, Boston e Miami, e adesso abita su un’isola lungo la costa della Florida con il marito, i due figli e i loro cani. Quando non scrive, viaggia, si occupa di giardinaggio o naviga su Internet. Le sue parole d’ordine sono: ama, lavora e divertiti.


Il libro


Editore: Fabbri Editori
Genere:Young Adult/Thriller
Collana: Crossing
Prezzo: 13,60 versione cartacea; 6,99 ebook
Pagine:349

Trama


Da trent’anni, ogni anno, gli studenti della Vienna High aspettano un evento con grande trepidazione: la pubblicazione della Lista, la classifica delle ragazze più belle e popolari della scuola. Tra le dieci elette, questa volta compare anche il nome di Kenzie Summerall e lei stessa è la prima a stupirsi.
Kenzie è tutto il contrario della ragazza cool: non viene invitata alle feste esclusive, non ha mai avuto un fidanzato e la sua unica passione è il latino. Tutti i compagni di scuola, poi, la ricordano soprattutto per un evento drammatico: la morte di suo fratello Conner, vittima di un tragico quanto inaspettato incidente di cui lei si sente responsabile.
La Lista, però, ribalta completamente la vita di Kenzie, che comincia a riceve le attenzioni dei ragazzi – e in particolare quelle di Josh, di cui è innamorata dai tempi delle medie e che non l’ha mai filata – e strani messaggi in latino che sembrano avvertirla di un pericolo imminente. Ma la faccenda si fa davvero inquietante quando le ragazze della Lista iniziano a morire in circostanze sospette…
In un crescendo di colpi di scena ed enigmi da decifrare, Kenzie si ritrova ad affrontare situazioni in bilico tra la vita e la morte, fino a scoprire una verità inaspettata che affonda le radici in un passato lontano.
Hai pregato per finire sulla Lista. Ora vorresti non averne mai sentito parlare…
A metà strada tra Pretty Little Liars e Scream, Il potere della Lista è un romanzo che spiazza, sorprende e ha già sconvolto migliaia di lettori. Stai in guardia: il prossimo potresti essere tu.