martedì 26 gennaio 2016

EVERNEATH di Brodi Ashton -- recensione in anteprima

I libri di storia lo chiamano Oltretomba.
O anche Inferi.
Ma io so che non è né l'uno né l'altro.
Il suo nome, in realtà, è Everneath,
e non è un luogo di morte.
È il luogo dove vivono gli Eterni,
creature che hanno scoperto il segreto del l'immortalità.
È il luogo dove conducono i Pegni,
gli umani che rinunciano a tutto per nutrirli.
È il mondo racchiuso fra questo e l'altro,
un livello intermedio tra la Terra e l'Inferno.
Lo so perché sono stata un Pegno.
E darei qualsiasi cosa per poter cambiare questa realtà.

Un libro che fa "riconciliare" col genere Urban Fantasy il primo della Trilogia Everneath di Brodi Ashton! Un romanzo avvincente e ben scritto che ci fa rivivere il mito di Persefone, Euridice ed Orfeo attraverso un retelling brillante, intelligente ed originale. Mi sono innamorata di questa storia sin dalla prima pagina... nonostante la prima difficoltà nel seguire gli sbalzi temporali della narrazione in cui si alternavano presente e passato. Ne ho amato le atmosfere, la drammaticità, il senso di ineluttabilità ma anche di speranza che vive la protagonista nella sua affannata "corsa" alla redenzione, all'accettazione, al perdono e al cambiamento. Al recupero di tutto ciò che aveva lasciato in sospeso prima della sua discesa nell'Everneath. Ma si può davvero "recuperare" qualcosa quando si hanno solo sei mesi di tempo? Si può realmente trovare la forza di dire "addio" a coloro che amiamo quando si ha una "data di scadenza" prestabilita e sappiamo di non poter mai più far ritorno? Questo è quello che ci racconterà Nikki Bennett, la protagonista di uno degli Young Adult paranormal più interessanti che abbia letto ultimamente!


opinione di Sangueblu

Quella sera, quando sono fuggita,
sarei potuta andare a casa a chiudermi nella mia stanza.
Avrei potuto affrontarti e urlarti in faccia.
Ma non l'ho fatto. Ho scelto la via d'uscita più facile.
Cole ha fatto sparire il dolore,
e a me non è importato di rovinarmi la vita,
perchè sono stata così stupida da pensare
di non avere più niente da perdere.

Nikki Bennet non è una ragazza come tutte le altre.
Lei è discesa all'Inferno. E ne ha fatto ritorno.
Prendendo la decisione più sbagliata possibile a seguito del dolore per la perdita della madre e per il (presunto) tradimento del suo fidanzato Jack, Nikki decide di fidarsi della persona sbagliata che, grazie al suo potere di lenire il dolore assorbendo le emozioni altrui, la conduce con sè per cento anni nell'Everneath... In questa sorta di Oltretomba Nikki, insieme ad altri umani scelti per questo scopo, non farà altro che nutrire Cole - questo il nome dell'Eterno a cui si è inconsapevolmente legata - con le sue emozioni e la sua energia vitale, dimenticando piano piano qualsiasi cosa della sua vita sulla Terra. Tutto infatti piano piano, in questo mondo parallelo in cui il tempo scorre molto più velocemente (cento anni infernali equivalgono a sei mesi terrestri) si va sbiadendo, perdendo di consistenza ed importanza. Tutto... tranne un volto e un sorriso: quello di Jack a cui Nikki non ha smesso di pensare; che non ha mai smesso di amare e che è stata l'unica cosa che le ha concesso di non impazzire e le ha dato la forza e la volontà di tornare indietro.
Perchè Nikki deve chiedere scusa... Deve dire addio a lui e alla sua famiglia dopo averli lasciati all'improvviso, sparendo nel nulla, senza alcuna spiegazione plausibile facendoli cadere in un baratro di disperazione e paura.  Per farlo avrà solo sei mesi di tempo; momento in cui le Ombre, di cui porta ora il marchio sul braccio sinistro, la reclameranno per sempre nell'Everneath per essere un Pegno per nutrire gli Eterni. Ma, come ho già accennato più sopra Nikki non è come tutte le altre (...e non solamente perchè è scesa all'Inferno) e di questo si è accorto anche Cole che, per entrambi, ha un piano ben preciso: spodestare la regina degli Inferi e assurgere al Trono.
Ma è solo desiderio di Gloria e delirio di onnipotenza a muovere Cole, o c'è di più?

"Che cosa? Che cosa vuoi?"
"Te, Nik."
Fece un paio di respiri profondi.
"Voglio te. Che saliamo al trono o no.
Ti voglio nella mia vita, e il solo modo
in cui ciò può avvenire è che tu diventi uguale a me.
Abbiamo condiviso un cuore, Nik."
Posò un dito sul mio petto.
"Il tuo cuore è dentro di me, adesso."
"Non il mio cuore. " Negai. "Solo alcune delle mie emozioni."
"E' la stessa cosa. Appartiene a me. E quindi io appartengo a te."

Devo ammettere che uno degli aspetti più interessanti e intriganti del romanzo, fino alla fine, è stato per me questa continua incertezza sulla figura di Cole che, per quanto mi riguarda ha non pochi lati simpatici e piacevoli, nonostante a volte metta anche i brividi. (Non pensate di trovarvi di fronte al "solito" triangolo perchè - almeno per il momento - non è assolutamente così.)
Ovvio però che sarà scontato tifare per Jack e sarà bello ricostruire insieme a Nikki tra incursioni nel presente e tuffi nel passato, la loro bella storia d'amore che naturalmente è il cardine attorno cui ruota tutta la storia. Anche la sua figura sarà centrale (è una vera e propria àncora )e grazie anche ad un'improbabile e misteriosa vecchietta (Maria) che spargerà importanti indizi e farà importanti rivelazioni e sarà decisiva per gli esiti del futuro di Nikki.

Orfeo non aveva dimenticato Euridice.
Aveva continuato ad amarla per tutto il tempo
in cui era stata via. Magari l'attaccamento
tra il Pegno e l'àncora funzionava solo quando era corrisposto.

Un po' "telefonato" e quindi abbastanza prevedibile il finale che resta comunque soddisfacente per via della dinamica in cui si concretizza e per gli sviluppi che lascia intuire per i volumi a seguire.

Bella e coinvolgente la storia d'amore - che piacerà sicuramente moltissimo alle lettrici più giovani - ma ciò che più è apprezzabile del romanzo e della serie in generale sia l'atmosfera e l'inserimento realistico che convive e va di pari passo, anche se rivisitato in chiave libera ed originale, con il Mito greco, per me sempre affascinante ed intramontabile. Ma sul finire un valore aggiunto: un collegamento alla tradizione egizia e ad una sorta di consapevolezza comune che travalica il tempo e le varie religioni che le porta ad una mitologia univoca, se pur diversa, ad avvalorare una credenza comune sull'immortalità dell'anima e sulla presenza di un mondo "altro" che esiste dopo la morte.

Consiglio caldamente questo libro ai lettori giovani e a tutti gli amanti della letteratura Paranormal di qualità. Qui troveranno tutti gli ingredienti giusti per una lettura perfetta!
Ringrazio la De Agostini che mi ha permesso di leggerlo in anteprima e li prego di non farci aspettare troppo per il seguito perchè... devo assolutamente sapere come proseguirà la storia! Sono davvero sulle spine, e non so quanto potrò resistere!
PS: Sono felicissima che abbiano mantenuto la copertina originale che è a dir poco stupenda!



La Serie "Everneath"

1 - Everneath
1,5 - Neverfall  (novella)
2 - Everbound
3 - EverTrue

l'Autrice


Brodi Ashton vive nello Utah, insieme al marito e a due figli ancora piccoli che non hanno idea del perché la loro mamma trascorra tanto tempo davanti a un computer. Si è laureata in Giornalismo e ha conseguito un master in Relazioni Internazionali alla London School of Economics. Everneath è il suo romanzo d’esordio.



EVERNEATH
di Brodi Ashton

editore: De Agostini
genere: Urban Fantasy YA
pagine: 447
prezzo: 14.90 euro
Rilegato
eBook: 6.99 euro

Trama

Per molte, moltissime settimane Nikki Bennett è scomparsa, svanita nel nulla. Senza nemmeno una parola a una spiegazione. Perché una spiegazione razionale per quello che le è successo non c'è. Nikki è stata risucchiata all'Inferno, imprigionata in un mondo disperato e privata di tutte le emozioni. Adesso, però, le è stata data una possibilità: quella di tornare a casa per sei mesi, sei mesi soltanto. Nikki è decisa a riprendersi la propria vita. Vuole trascorrere ogni singolo minuto con la famiglia e con Jack, il ragazzo che ama più di se stessa. Ma c'è un problema: Cole, l'Eterno dal fascino oscuro che l'ha seguita dall'Oltretomba e che è pronto a tutto pur di riaverla. Nikki sa di avere pochissimo tempo per cambiare il proprio destino. Prima che l'Inferno la reclami... questa volta per sempre. Il mito classico di Persefone torna a vivere nelle pagine del primo capitolo di una nuova serie dalla cornice paranormale.

1 commento:

  1. Bela la recensione lol ^^
    Io ho finito questo bel libricino due giorni fa ( La mia Inter(re)view aka Recensione qui ) e devo dire che mi è piaciuto più di quanto pensassi.
    Non ho trovato Nikki così petulante, Jake è la dolcezza e ho apprezzato particolarmente lo stile di scrittura e il triangolo che sembrava ci fosse, ma in realtà non c'è *-*
    Complimenti alla Ashton, insomma!
    Ciao!
    Rainy

    RispondiElimina