mercoledì 15 aprile 2015

SE STIAMO INSIEME CI SARA' UN PERCHÉ di Daniela Sacerdoti


Questo è quello che dicono di questo romanzo:

Una storia d’amore calda e avvolgente da cui non separarsi più

«Prendetevi un po’ di tempo per leggere questo libro, assimilate ogni parola, perché ne vale totalmente la pena. È il primo libro che ho desiderato rileggere non appena l’ho finito, resterà con me per sempre.» 

«Non riesco a spiegare a parole quanto mi sia piaciuto questo libro! L’ho divorato, pagina dopo pagina… Daniela ha un grande talento nel raccontare le storie e sa conquistare i cuori.» 

Non posso che essere d’accordo. Non è solo una storia ricca di emozioni e sentimenti veri ma è anche scritta con parole così belle che viene voglia di rileggerle e conservarle. Un romanzo che parla dell'amore, dall'amore di coppia all'amore per la famiglia e gli amici. Non aspettatevi la passione travolgente che fa scintille qui l’amore è quello vero basato più sul sentimento che sulla pura attrazione fisica.


.”Non è facile riconoscere il vero amore. Magari pensi di averlo già trovato, ma forse non era quello vero. Io non avevo idea di che cosa fosse il vero amore…..Non sto parlando di fuochi d’artificio e scintille. Ma di apprezzare ogni minuto che si passa insieme. Non vedere l’ora che lui torni a casa. Sentirsi fiera di essere la sua donna…” 


L’autrice affronta temi importanti come l’abbandono, la morte dei propri cari e i rapporti fra fratelli in modo assolutamente emozionante e delicato riuscendo ad inserire  perfettamente l’elemento paranormale che si lega benissimo alla storia e all'ambientazione. Come una cornice perfetta a un bel quadro l’autrice ci racconta tutta la magia della Scozia di cui possiamo quasi vederne i colori e sentirne i profumi.


Opinione di BlackSophia


Ho amato questo libro da subito per il modo in cui è scritto e poi per le emozioni che pagina dopo pagina ha saputo regalarmi. Inary è una ragazza con un passato alle spalle che le impedisce di godersi il presente e pensare al futuro, è una ragazza speciale che si è smarrita, la perdita dei genitori prima e l’abbandono da parte dell’uomo che credeva essere l’amore della sua vita poi, l’hanno come svuotata.

…che strano specchiarsi e non riconoscere davvero la persona che si sta guardando. Vedi una ragazza che ti assomiglia- ha la tua stessa massa di capelli ondulati e la pelle bianchissima tipicamente scozzese- eppure chi sarà mai?

Il modo migliore che ha trovato Inary per provare a ripartire da zero è stato allontanarsi dalla sua terra e da quello che restava della sua famiglia, trasferendosi a Londra a vivere insieme alla sua migliore amica Lesley. Non sempre però allontanarsi dalla fonte del dolore è la soluzione migliore per tornare ad essere se stessi. A Londra Inary ha trovato una apparente serenità ma non è ancora riuscita a superare i traumi del passato. Olltre a Lesley frequenta Alex, un ragazzo scozzese come lei che si accontenta di esserle amico quando in realtà la ama da quando l’ha conosciuta tre anni prima.

Accanto a lei mi sentivo una persona grigia, come se lei avesse tutti i colori di cui avrei mai avuto bisogno.


Inary e Alex si sono piaciuti da subito, amano passare il tempo insieme a chiacchierare abbracciati ma senza mai oltrepassare il confine dell’amicizia perché lei non vuole rischiare di rivivere la sofferenza che ha provato quando è stata lasciata dal suo ex fidanzato. Nonostante la sua mente le imponga di non avvicinarsi troppo ad Alex si rende conto che per lui  prova qualcosa che va oltre l’amicizia.

Alex era già lì. Vorrei poter dire che il mio cuore non ebbe un fremito quando lo vidi, ma lo ebbe – un’altra delle cose che mi turbavano ultimamente. Stavo cominciando ad attendere i miei incontri con Alex con un po’ troppa impazienza….


Una sera Inary si lascia andare per qualche ora e si concede di amare Alex ma quello che potrebbe sembrare l’inizio del loro amore rischia di essere la fine di tutto anche dell’amicizia. Il mattino dopo infatti lei torna ad essere la ragazza ferita e smarrita degli ultimi tre anni  e decide di fare un passo indietro spezzando il cuore ad Alex affermando che quello che è successo fra loro la notte precedente è stato un errore.  Però non c’è tempo per parlare di quello che è appena successo, una telefonata drammatica costringe Inary a lasciare Londra per tornare in Scozia, a Glen Avich dove sua sorella più piccola Emily, da sempre afflitta da un problema cardiaco, è  ulteriormente peggiorata. Una volta a casa Inary dovrà affrontare oltre alla malattia della sorella anche la collera del fratello Logan che non le perdona il fatto di essere andata via lasciandolo solo ad occuparsi di Emily. Durante la sua permanenza a Glen Avich, Inary  perderà molte cose ma ne ritroverà una molto importante, il suo dono quello che da generazioni rende speciali alcune donne della sua famiglia, la capacità di vedere gli spiriti dei defunti. Così inizia un lungo e doloroso percorso che le permetterà di ritrovare se stessa, l’amore per la sua terra e per quello che resta della sua famiglia. In questo percorso il suo dono le sarà di grande aiuto perché cercando di ridare la pace ad uno spirito riuscirà a trovare lei stessa un po’ di pace.


Vedo gli spiriti negli occhi dei bambini, e il loro sangue mi racconta tutto, come fosse un libro aperto. Vedo ogni generazione che non c’è più. I miei sogni parlano del futuro, ma i morti vengono da me perché il passato non venga dimenticato.


 Il difficile viaggio di Inary verso la sua ritrovata serenità mi ha fatto riflettere sull'importanza di affrontare il proprio passato anche se questo a volte comporta molta sofferenza. Solo così si può rinascere più forti di prima ed andare avanti, è l'unico modo per ritrovare la felicità perché scappare dal proprio passato equivale a tenersi dentro tutta l’amarezza e il dolore che certi traumi possono provocare. Un altro aspetto molto bello del libro è il rapporto fra fratelli, l'amore che lega questi tre ragazzi e il dolore che nasce dal doversi separare. In particolare il difficile rapporto fra Inary e Logan  ci fa capire quanto la mancanza di dialogo possa creare distanze difficili da colmare, quando basterebbe dirsi semplicemente che si ha bisogno l’uno dell’altra. Un'ultima considerazione voglio farla su Glen Avich, un paese in cui tutti si conoscono e discendono da famiglie in gran parte imparentate fra loro, un posto che mi ricorda molto come erano una volta i nostri quartieri dove si percepiva la presenza della comunità sia nei momenti difficili che in quelli felici. Leggere di un posto dove il dolore viene condiviso da tutta la comunità per noi che viviamo in società sempre più disgregate, dove ognuno va per la sua strada senza far caso a chi lo circonda, fa sicuramente riflettere su ciò che stiamo perdendo e su quanto alcune persone si sentano sole se viene loro a mancare la famiglia. Glen Avich inoltre ci viene descritto in modo così poetico da renderlo un posto magico dove il dono di vedere le anime dei defunti assume una credibilità che altrove non avrebbe trovato. E’ il luogo ideale per creare quel pizzico di suspense e mistero che richiama alla mente film come  il SESTO SENSO  e THE RING ma non temete in questo caso le scene descritte non sono così terrificanti!


"il vento, il cielo scozzese e il profilo nero delle foreste di pini, lo scintillio della rugiada sul terreno e una luna pallida e spettrale che spuntava da dietro un pendio”


L'Autrice


Pronipote del celebre scrittore Carlo Levi, è nata a Napoli ed è cresciuta in Piemonte, ma durante gli ultimi dieci anni ha vissuto in Scozia. È laureata in Lettere classiche ed è stata insegnante di italiano, latino e greco. Scrive sia in italiano che in inglese. La Newton Compton ha pubblicato Ho bisogno di te, suo romanzo d’esordio, che è stato bestseller in Inghilterra, e Se stiamo insieme ci sarà un perché.


Se stiamo insieme ci sarà un perché


Titolo originale: Take me home
editore: Newton Compton
genere: romance
pagine: 268
prezzo cartaceo: 8,42 euro
prezzo ebook: 4,99 euro

Trama

La vita di Inary Monteith è a una svolta cruciale. Dopo aver passato la notte con Alex, il suo migliore amico, lei gli ha spezzato il cuore dicendogli che è stato un errore. Quella stessa mattina, poi, una terribile telefonata le impone di lasciare Londra per tornare in tutta fretta dalla sua famiglia, nelle Highlands scozzesi: la sorella minore, malata da tempo, è peggiorata improvvisamente. Il ritorno nella terra d’origine segnerà per Inary un imprevisto momento di riflessione sul passato e su quello che desidera dal futuro. Oltre alle precarie condizioni di salute della sorella, infatti, dovrà confrontarsi con un fratello ostile, un ex fidanzato con cui non vuole più avere niente a che fare, i suoi contrastanti sentimenti per Alex e un affascinante ragazzo americano incontrato da poco. Inoltre, si troverà a dover gestire uno strano dono che credeva di aver perso per sempre – un sesto senso che da secoli attraversa le generazioni e caratterizza molte donne della sua famiglia. E quando una voce dal passato le chiede con insistenza di essere ascoltata, Inary scoprirà un mistero che dovrà necessariamente svelare, se vorrà tornare a essere libera e felice.




Nessun commento:

Posta un commento