venerdì 21 agosto 2015

QUANTO TI HO ODIATO di Kodi Keplinger - recensione


Un tempo ero convinta che avere il ruolo della DUFF
significasse non vivere tragedie amorose.
Evidentemente mi sbagliavo.
Come era successo? Come era possibile che io,
la brutta della situazione, fossi finita
in mezzo a un triangolo amoroso?
Non ero una romantica.
Non volevo neppure uscire con qualcuno.
Invece eccomi lì, divisa fra due bei ragazzi con i quali
non mi sarei mai sognata di avere una possibilità.
(fidatevi, non è entusiasmante come sembra).

Se da questo breve estratto che ho scelto per introdurre questo romanzo state pensando di trovarvi davanti all'ennesima storia, trita e ritrita, del "solito" triangolo amoroso allora vi ho portato fuori strada. Ho scelto questo piccolo "sfogo" della protagonista diciassettenne Bianca Piper per mostrarvi la sua condizione. Il presupposto di partenza, ovvero la sua (presunta) condizione di Designated Ugly Fat Friend (ossia l'amica "brutta" del gruppo; quella che fa risaltare le altre) che nel corso della storia la porterà ad una serie di risvolti e di conseguenze tutt'altro che negative. Cose che la faranno crescere, maturare e superare le insicurezze. Che la faranno smettere di scappare, perchè la verità resta sempre lì e ci troverà sempre, prima o poi. Che le insegneranno che non bisogna mai mentire a sè stessi solo per stare al sicuro,  ma fare ciò che ci rende felici. E soprattutto che, nella vita, è sempre tutto una questione di prospettiva.

l'opinione di Sangueblu

Riprendo in mano le redini del blog dopo più di un mese di (meritata) vacanza e, nonostante le decine di recensioni arretrate da recuperare, lo faccio proprio con questo romanzo che ho finito stanotte e ho trovato assolutamente delizioso e degno di nota. (Tra l'altro dal 19 Agosto è possibile vedere la sua trasposizione cinematografica in tutte le sale, nel film dal titolo L'A.S.S.O. nella manica).
Una storia realistica, frizzante e briosa - nonostante racchiuda al suo interno anche dei risvolti drammatici ed estremamente attuali come il bullismo, il divorzio, il sesso e l'amicizia - e che credo rispecchi gran parte degli adolescenti di oggi. E un po' anche quelli di ieri. Anche se è prettamente uno Young Adult, secondo me questo romanzo strizza l'occhio infatti ad un pubblico potenzialmente più vasto e ritengo possa piacere indistintamente a maschi e femmine. 
Un po' per la tematica affrontata, così attuale ed interessante; per la storia in sè che non è ne smielata nè banale; e infine per lo stile in cui è scritta: così scorrevole, diretto, cinico... come la protagonista, (che è adorabile, nonostante tutti i suoi difetti!).

"Non mi piace" - spiegai.
"Per il novantasei per cento del tempo mi fa venire l''orticaria,
e a volte vorrei solo strangolarlo.
Ma allo stesso tempo voglio che sia felice.
Lo penso molto di più di quanto vorrei, e..."
"Lo ami"
"No!", gridai, voltandomi di scatto.
"No, no e no! Non lo amo, va bene?
L'amore è raro, difficile da trovare,
e impiega anni a crescere.
Gli adolescenti non si innamorano."

BIANCA PIPER è una diciassettenne come tante, un po' in carne, piuttosto insicura in amore dopo la sua delusione con l'unico ragazzo della sua vita e che si limita a "sognare ad occhi aperti" una storia a "senso unico"  con un ragazzo "modello" e piuttosto inavvicinabile che però le consente di mantenere ben salde le sue convinzioni, da brava cinica quale è, che sia impossibile amare davvero da adolescenti e che in fondo è meglio vivere questa fase della vita "senza distrazioni" che non siano la scuola, le amiche o sani passatempi.
Tutto cambia quando si incontra/scontra, nel solito locale in cui piace sempre tanto andare alle sue due migliori amiche Casey e Jessica , con WESLEY RUSH... Il ragazzo più bello e affascinante della scuola; quello che "non corre dietro alle ragazze perchè sono loro che corrono dietro a lui", che lei odia profondamente a causa della sua superficialità e della sua reputazione con le donne con le quali non ha problemi ad andare a letto, una dopo l'altra. Proprio lui le sbatterà letteralmente in faccia una realtà che fino a quel momento era sconosciuta a Bianca, definendola DUFF ovvero quella brutta e grassa del gruppo; il cesso della situazione; quella che nel gruppo fa valorizzare le altre e che inizialmente quelli come Wesley sembrano avvicinare per arrivare a loro... Non sapendo però che proprio questa cosa (apparentemente brutta o negativa) non solo comporta dei vantaggi

1- non devi preoccuparti dei capelli o del trucco.
2- non devi sforzarti di comportarti in modo fico, tanto non è te che guardano
3- eviti gli scazzi coi ragazzi.

ma sarà proprio la chiave per farle capire tante cose, risolvere delle questioni e trovare la strada per la felicità.
Bianca è una ragazza abituata a scappare. A cercare distrazioni dai problemi.
E in questa fase della sua vita di problemi ne ha davvero tanti: prima l'arrivo del suo ex-fidanzato che sta per sposarsi con la ragazza con cui l'aveva tradita, poi il divorzio dei suoi genitori e infine la ricaduta nell'alcolismo di suo padre.
Inaspettatamente trova in Wesley un valido "alleato"... La sua distrazione per non "pensare"; il suo "sballo".

Quelle tipe pensavano di avere un’opportunità con Wesley, 
lo trovavano sexy e attraente e, in modo perverso, lo era davvero.
Credevano che fosse un bravo ragazzo, erano convinte di poterlo domare,
ma io sapevo che era uno stronzo. Io volevo solo il suo corpo.
Nessun legame. Nessun sentimento.
Io volevo solo lo sballo.

Suo malgrado e molto presto si ritroverà invischiata in "qualcosa" difficile da rinunciare e sempre più difficile da gestire.
Da "amici con benefici" diventeranno l'uno per l'altra qualcosa di più.
Alla fine riuscirà ad entrare in quella testa dura. Perchè Bianca non sarà l'unica a crescere. Anche Wesley, grazie a lei, capirà molte cose di sè stesso e cambierà... (scoprirete voi come) ma lo farà con una naturalezza, una spontaneità e una purezza che mi ha lasciata più volte disarmata.

Ho davvero adorato questo romanzo e soprattutto il personaggio di Wesley...
Ci sono due cose che non dimenticherò e che credo rimarranno impresse anche a voi, se deciderete di legger, come spero e vi consiglio, questo libro:
uno, ovviamente, la lettera che scriverà alla sua Duffy...
e poi il discorso che le fa sul pregiudizio degli altri.
Penso che siano parole molto importanti e che vorrebbero sentirsi dire molti adolescenti confusi.
Ed è molto bello il rapporto di amicizia tra Bianca, Casey e Jessica. Sono davvero stupende!

Insomma, questo romanzo è davvero entusiasmante ed oltre ad avere il pregio di sottolineare quanto ogni medaglia abbia il suo rovescio, può insegnare secondo me ai giovani ad avere più autostima, a non nascondersi dai propri errori e non scappare dalla realtà. Di quanto ognuno di noi, a seconda dei casi e della prospettiva, possa essere una o un DUFF ma che non potremmo mai sapere come veniamo realmente percepiti nella testa delle altre persone. Soprattutto da chi ci vuole bene.

Perchè mi ero arrovellata tanto su quello stupido nomignolo quando era così semplice?
Sarei dovuta andare fiera di essere la DUFF.
Fiera di avere grandi amiche che, nelle loro teste,
erano DUFF in confronto a me.

Forse vi sembrerà strano, ma mi viene spontaneo e naturale concludere questa recensione con la frase di una canzone di JAx di qualche hanno fa, intitolata "Tutta Scena". Non ho potuto fare a meno di pensarci, in più occasioni, durante la lettura di questo libro, perchè in maniera molto curiosa ne condensa il succo...

Niente paura è tutta scena, 
e lui si sente solo come te 
niente paura è tutta scena, 
e lei si sente brutta come te 
niente paura è tutta scena, 
a volte tremo come te 
niente paura è tutta scena

Se avete voglia di ascoltarla...



E se volete vedere il film, sappiate però che è qualcosa di molto diverso rispetto al libro e che probabilmente vi deluderà se cercavate una trasposizione fedele del romanzo!



L'Autrice



È nata e cresciuta in una piccola città del Kentucky. Ha scritto Quanto ti ho odiato durante il suo ultimo anno di liceo, a diciannove anni. Ora vive a New York, scrive a tempo pieno e insegna in workshop di scrittura. Nel 2015 è uscito negli Stati Uniti il film tratto dal romanzo e ha avuto un successo inatteso al botteghino, tanto che è stato venduto in 22 Paesi esteri, tra cui l’Italia, dove è in programmazione per l’estate. Per saperne di più su di lei:



IL LIBRO

editore: Newton Compton
genere: narrativa/romance Young Adult
pagine: 281
prezzo: 9.90 euro
Rilegato
eBook: 4.99 euro

Trama

Bianca Piper ha diciassette anni, è cinica ma leale e sa benissimo di non essere la più carina tra le sue amiche. D'altronde sa anche di essere più sveglia e intelligente rispetto a molte sue coetanee, che si lasciano incantare dal fascino di ragazzi come Wesley Rush, il più corteggiato e viscido della scuola. Bianca infatti detesta Wesley. Ma dato che le cose in famiglia non vanno granché bene e Bianca è alla disperata ricerca di una distrazione, un giorno si ritrova a baciare proprio Wesley. E... scopre che le piace! Tanto che, sempre più desiderosa di fuggire dai propri problemi familiari, finisce per farci sesso e per ricorrere a questo "diversivo" ogni volta che qualcosa va storto. Ma quando viene fuori che Wesley è bravo ad ascoltare e che anche la sua, di vita, è più scombinata del previsto, Bianca intuisce che la situazione le sta sfuggendo di mano e si rende conto con terrore che potrebbe essersi innamorata proprio del nemico...

5 commenti:

  1. In tanti libri si ritrova la ragazza un po' sfigatella del gruppo (sì, quella ch epoi improvvisamente è Miss Universo) che riesce ad ammaliare il belloccio di turno, mi piace che l'autrice sia riuscita a trattare questo argomento (spinosissimo, soprattutto quando sei un'adolescente) con il giusto tatto, restando nel campo della realtà :)
    Col tempo impariamo che la bellezza esteriore non è tutto, che le persone sono molto di più, ma a quell'età quanto fa male :(
    grazie della recensione, potrei leggere questo libro che altrimenti avrei snobbato >-<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te! Grazie per il complimento e sono felice di averti convinta perché questo libro merita!

      Elimina
  2. Ciao, che bella recensione *-*
    Per quanto mi riguarda ho preferito il film (non per Robbie Amell, no no), ma anche il libro era gradevole con questa protagonista nella quale mi è stato facile immedesimarmi :3
    Ho amato Wesley fin da subito: lui è Bianca sono stra shippabili, però le differenze con il film, se l'hai visto, erano veramente tante o sbaglio?
    Se vuoi sapere cosa penso di questo libro trovi la mia recensione Qui :3.
    Un salutone,
    _Rainy_

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vero! Piacere di conoscerti e complimenti anche per il tuo blog:-)

      Elimina